Profilo  |  Staff  |  Partners & Links  |  Contatti  |  Area Riservata  

Follow us          

Filippine

Oriente


Le Filippine sono costituite da 7.107 isole di origine vulcanica, di varia forma e grandezza, prevalentemente montuose e coperte da una fitta vegetazione tropicale, che emergono da un mare turchese di rara bellezza. Sono bagnate dall'Oceano Pacifico, dal Mar delle Filippine, dal Mar della Cina, dal Mar di Sulu e dal Mar di Celebes.

GEOGRAFIA
Le isole, che coprono una superficie totale di circa 300.000 kmq (acque interne incluse), sono suddivise in tre regioni geografiche: Luzon, Visayas e Mindanao.
Le coste delle isole, molto varie, sono costituite da stupende spiagge di sabbia bianca ombreggiate dalle palme da cocco, oppure da mangrovieti, o da scogliere a picco che circoscrivono piccole baie ed insenature bagnate dalle acque cristalline azzurre e turchesi. La profondità delle acque interne si aggira intorno ai 1.000 metri, mentre all'esterno dell’arcipelago nella zona orientale i fondali si abbassano considerevolmente, raggiungendo a pochi chilometri dalle coste, profondità rilevanti come la fossa di Mindanao, profonda 10.540 metri. Questa fossa che si allunga in direzione nord sud per 1.300 km, segna una parte del confine geologico tra la placca delle Filippine e quella euroasiatica.

FLORA E FAUNA
Flora e fauna sono un miscuglio di specie asiatiche e australasiatiche, infatti l’arcipelago si trova poco più a nord della linea di Wallace, che separa l’Asia dall’Oceania.
Nelle isole più grandi la foresta pluviale occupa varie zone montuose, mentre nelle valli e in pianura vi sono foreste di alberi ad alto fusto (teak, ebano, mogano) oltre a palme da cocco, banani e bambù.
Nelle foreste vivono circa 1.100 specie di vertebrati tra cui: cervi, antilopi, cinghiali, tartarughe, serpenti, coccodrilli e svariate specie di uccelli.
Sui fianchi delle colline, terrazze grandi e piccole ospitano bellissime risaie che proseguono nelle zone pianeggianti, pennellando il territorio di calde tonalità di verde.

TURISMO
La vegetazione è interrotta dalle coloratissime e caotiche cittadine brulicanti di gente indaffarata, dove circolano mezzi di trasporto di ogni genere: biciclette, moto, automobili, autobus pieni di persone e di bagagli, camion carichi di merci di ogni tipo, gli originali tricycle per il trasporto passeggeri e i  bellissimi jeepneys residuati bellici della II Guerra Mondiale dai colori vivacissimi. Girovagando a piedi nelle strade e nei coloratissimi mercati di questi villaggi si impara in fretta ad apprezzare il popolo filippino. In una caotica allegria di voci e di rumori, in questa calda atmosfera permeata dagli aromi della frutta e delle spezie, è sufficiente osservare l'espressione di questi visi ambrati con gli occhi a mandorla ed è impossibile non notare la semplicità, la gentilezza e il sorriso ospitale di questa gente, molto disponibile al contatto con lo straniero. Anche in una grande città ricca di contrasti come Manila, dove i rapporti umani sono sempre più difficili, non passa inosservata la gentilezza dei filippini.
I turisti stranieri arrivano alle Filippine da tutto il mondo per visitare la capitale, le spettacolari risaie di Banaue, scavate nei fianchi delle montagne 3.000 anni fa, i numerosi vulcani e per godere soprattutto le meraviglie del mare, facendo snorkelling e immersioni sulle scogliere madreporiche. 

Le oltre settemila isole che costituiscono l'arcipelago delle Filippine offrono una grande varietà di condizioni ambientali diverse: scogliere rocciose, spiagge sabbiose, lagune, praterie, mangrovieti, pareti sommerse che sprofondano nel blu, reef, atolli   ed anche fosse oceaniche a poche miglia dalle coste. 

CLIMA
Le Filippine presentano un clima tropicale caldo e umido. La temperatura media annuale è di circa 26,5 °C. L'anno è suddiviso in tre stagioni: la stagione  secca e calda (da marzo a maggio), la stagione delle piogge (da giugno a novembre), e la stagione secca e fresca, (da dicembre a febbraio). Le stagioni dei monsoni sono due: una umida e l’altra secca. Il monsone che spira da sud-ovest (da maggio ad ottobre) porta flussi d’aria carica di umidità, mentre quello che spira da nord-est (da novembre ad aprile) porta flussi d’aria secca. Il mese più freddo è gennaio mentre quello più caldo è maggio. 

Altre destinazioni

Scarica catalogo

Newsletter

IscrivitiCancellati

Accetto informativa sulla privacy